Barbie hostess, in mostra a Piazza di Spagna

b7abf845ddeb32f9d2817a45b96f42f6

Barbie, la piccola donna più amata da generazioni di bambine, dal 7 novembre è esposta in una mostra allo spazio Alitalia in Piazza di Spagna a Roma. È proprio lei nella nuova collezione di Mattel e Alitalia, vestita dai colossi della moda che nel corso di 50 anni hanno creato le divise delle hostess Alitalia. Dalle sorelle Fontana, a Biagiotti, a Schoen, Fabiani a Marzotto, da Balestra, Armani a Mondrian, oggi è possibile ammirare, attraverso la bambola più famosa del mondo, tutte le realizzazioni che hanno fatto la storia di questa compagnia di volo. Le prime divise realizzate sono state quelle delle sorelle Fontana che hanno vestito il personale di volo per 10 anni, nel dopoguerra con gonna scura sotto il ginocchio e giacca blu a tre bottoni.

Dal ’60 al ’66 le divise vengono firmate da Delia Biagiotti, madre di Laura che propone un tailleur color carta da zucchero, gonna al ginocchio e giacca con manica a tre quarti, tipica di quel periodo. Con Titta Rossi, nel ’67, ritorna il blu che introduce una grande novità: la giacca corta a doppio petto. Nel ’69, invece, Mila Schoen rivista il completo accorciando le gonne e proponendo il verde Italia e rosso Manciuria. Dal ’73 arriva l’uniforme disegnata da Alberto Fabiani, mentre tra il ’75 e ’86 Florence Marzotto lancia un completo color amaranto e rosso melograno. Tra il 1986 e il 1991, Renato Balestra presenta un tailleur con la giacca blu, a tre bottoni, profilata di verde e la gonna regimental blu e verde. Giorgio Armani nel ’91 realizza una divisa dai colori autunnali nella gamma dei verdi. Nel ’98 arriva Mondrian che tutt’oggi veste la compagnia. Una mostra che, attraverso una figura rappresentativa come la Barbie, ripercorre tutte le tappe di una storia altrettanto significativa: quella di Alitalia.